header

Rassegna stampa

basket cataneseDa "Basket Catanese"

(06/07/2011)

Agosta: «Teniamo accesa la passione»

Il pivot fa il dimostratore all’Orange Camp… «Mi riprendo dagli infortuni, non so dove giocherò»… «Grande soddisfazione a Capo d’Orlando»… «In Sicilia ci vogliono progetti consoni alle possibilità delle società»…
Alessandro Agosta schiaccia al PalaArcidiacono contro la Pallacanestro Catania (Basket Catanese)
Alessandro Agosta è uno dei migliori cestisti siciliani sulla piazza. Pivot di 203 cm, cresciuto nella Viola Reggio Calabria, svezzato dalla Virtus Siena, dopo aver assaggiato il professionismo a Trapani e Novara ha trascorso un biennio tra Gragnano e Modena ed è quindi tornato a casa per abbracciare il progetto di Siracusa come uomo-simbolo dei biancoverdi. Quest’anno ha conquistato la Lega3 con la maglia dell’Orlandina. Lo incontriamo su un divano del villaggio Kastalia, in una pausa all’Orange Camp, a cui è presente come dimostratore.
«È un’esperienza divertente, utile per staccare dopo una stagione lunga! Mi sono fatto incastrare tre anni fa da Paolo Marletta»… Durante la mattinata, dopo aver firmato qualche maglietta e scherzato con i bambini, Agosta ha dimostrato anche la sua bravura e ha cercato di non farsi convincere a schiacciare, che è la richiesta più gettonata. Con un sorriso e una battuta, ha fatto sognare i piccoli aspiranti cestisti. «Quand’ero piccolo e andavo ai camp, guardavo con gli occhi sgranati Scarone e tentavo d’emularlo. Non posso paragonarmi a lui, ma spero che i ragazzi di qui possano fare lo stesso con me. Abbiamo bisogno di nuove leve siciliane!»
La stagione vissuta a Capo d’Orlando, con una squadra che ha vinto il girone e i play-off contro la Viola Reggio Calabria, è stata rovinata da un infortunio al ginocchio che gli ha fatto perdere buona parte della stagione regolare.
«Il ginocchio ora sta bene, ma nei play-off si è aggravato il dito. Per agosto sarò pronto e mi sto guardando attorno. Ancora non so con chi starò, anche perché l’Orlandina non sa se farà la Legadue o meno. La mia intenzione è chiara: non voglio spostarmi dalla Sicilia, quindi le possibilità ci sono ma limitate. Ad Acireale stanno facendo un progetto importante… Chissà!»
È vero che lo scorso anno ti aveva cercato la Pallacanestro Catania?
«Sì, a luglio 2010 mi fecero un’offerta interessante dal punto logistico ma economicamente povera, viste le possibilità che avevano. Per fortuna non presi in considerazione la proposta e mi accordai con l’Orlandina, perché poco dopo la squadra sparì… Malgrado la sfortuna dell’infortunio, sono felice perché ci siamo tolti una bellissima soddisfazione vincendo da favoriti, e non è facile, vincendo nettamente gara-1 e gara-3».
Perché sei tornato in Sicilia?
«Sono qui da quattro anni, dopo il fallimento di Modena, che fu una delle motivazioni che mi spinsero a rientrare a casa. Mi sono reso conto che non ne valeva più la pena. Mi piaceva girare l’Italia, ma è un lavoro e sacrificarsi, sia io che la mia famiglia, per non essere nemmeno retribuiti è irritante. Con la famiglia ho deciso così che era meglio ritornare. Finora sono stato felicissimo. A Siracusa, il primo anno è stato pieno di soddisfazioni e anche il secondo lo sarebbe stato fino alla fine, ma si è chiuso prima del tempo e m’ha lasciato l’amaro in bocca. A Capo d’Orlando, come ho detto, è stato bellissimo».
È in crisi il basket siciliano?
«Il discorso è capire che succede a Trapani, è un momento abbastanza complicato. Anche Patti è in difficoltà. È una situazione contingente difficile in tutta Italia, tanti amici hanno arretrati e assegni postdatati. Per le mie ambizioni e il mio attaccamento alla terra, spero che il movimento siciliano cresca e diventi un’area importante perché i ragazzi crescano come giocatori e come persone. Ci vogliono i fondi e non è sempre così facile. Ma la speranza c’è, come ad esempio a Siracusa, dove pare che sia scomparso tutto, ma in futuro rivitalizzeremo l’ambiente, che si è dimostrato entusiasta nei due anni in cui ho giocato lì».
Qual è la soluzione, allora?
«Bisogna tenere acceso il focolaio di passione. Anche Capo d’Orlando, che aveva quattromila spettatori in A, ha perso tanto pubblico in C, quando andavano trecento persone al PalaFantozzi… Quest’anno nei play-off la gente è tornata e siamo arrivati a tremila presenze. Sono convinto che vale di più vincere una C1 che arrivare ultimi in A, per cui bisogna fare dei progetti che siano consoni alle possibilità. A Siracusa si puntò troppo in alto e la società si bruciò. Speriamo che non succeda più: ci sono presidenti che si fanno prendere dalla passione e alla prima difficoltà… buonanotte! E la federazione non è che aiuti…»
Roberto Quartarone

rgoggDa " Ragusa Oggi"

(16/06/2011)

PRESENTATA LA DODICESIMA EDIZIONE DELL’ORANGE CAMP 2011

confIeri presso il C. C. Le Masserie di Ragusa alla presenza dell’ass. allo sport Ciccio Barone, Paolo Marletta e Riccardo Cantone è stato presentato la dodicesima edizione dell’Orange Camp di Basket in programma a Kastalia dal 27 giugno al 3 luglio e dal 4 luglio al10 luglio, riservato a tutti i ragazzi e ragazze nati dal 1993 al 1997. Due intere settimane di basket alla presenza di istruttori e atleti ormai divenuti idoli dai più giovani e dai veterani del camp. Quest’anno per la prima volta l’Orange Camp apre le porte anche alla pallavolo dal 5 al 11 luglio. Il Camp è una manifestazione che ha come finalità principale quella di far conoscere sempre di più lo sport della pallacanestro grazie a testimonial tecnici di una certa fama nazionale e non solo e nello stesso tempo far scoprire a tutti i partecipanti oltre lo sport anche le bellezze del nostro territorio. Come ormai da anni il campus sarà diretto da Gianni Lambruschi, Riccardo Cantone e Paolo Marletta. “Quest’anno abbiamo a Kastalia come ospite l’americano LaShun McDaniel, – dice Riccardo Cantone – Giorgio Valli che ormai è un nostro ospite fisso, che dovrebbe essere presente per tutte e due le settimane, ed aspettiamo a giorni la conferma di altre star. Siamo molto contenti che abbiamo dei partner come il Comune di Ragusa che ormai ci lega un’amicizia consolidata negli anni”. La struttura dell’Orange Camp sarà uguale agli altri anni con un numero sempre più alto di atleti,che ormai supera i trecento partecipanti, provenienti da tutta la penisola come: Campania, Lazio, Calabria e regioni del nord Italia. L’obiettivo del campus è quello anche di far conoscere le bellezze della provincia ragusana con delle visite guidate. “Siamo riusciti a creare qualcosa di importante in questi anni. – dice Ciccio Barone -Da ben otto anni io partecipo alla premiazione ed è bello come sia cresciuta negli anni questa manifestazione. Inoltre trovo interessante l’iniziativa di introdurre da quest’anno un altro sport, a fianco del basket, la pallavolo”.
Raffaele Ragusa